Sauté di vitello a doppia cottura

Dovrei aprire una sotto categoria del food & drink: sconti & saldi.

Mi imbatto in uno sconto Esselunga su un taglio di vitello già rognosetto: il pesce. Siamo decisamente sotto i 15€ al Kg, che è uno standard per il vitello: 12,99.

Come venirne a capo? Il rischio è di creare oggetti contundenti più che edibili. In una delle mie inestimabili documentation culinarie trovo una idea: una doppia cottura (e mezza). Let's go!

Prima cottura: fare bollire latte, sale  e spezie (chiodi di garofano e cannella). Quando bolle abbassate al minimo, per evitare esondazioni. Aggiungete il vitello tagliato a tocchetti e lasciate sobbollitre. Scopo: fa perdere i liquidi in eccesso e incomincia a profumare la carne. Passati 15' spegnete e lasciate in ammollo la carne,

A parte, in una padella, fate imbiondire nel burro abbondante cipolla con un poco di aglio, alla fine aggiungete zenzero a lamelle. Togliete il composto, fate saltare e rosolare i bocconcini di vitello (e basta, via spezie e latte) per rallegrarli; aggiungete infine un poco di conserva, una spruzzata di aceto, cipolle & friends sale e pepe. Fate cuocere a fuoco moderato fino a che il vitello si penetra con una forchetta (ovviamente aggiungete un goccio d'acqua se necessario).

2 contorni: riso al vapore e melanzane saltate (aceto, paprika, aglio e salsa di soia).